Icon--AD-black-48x48Icon--address-consumer-data-black-48x48Icon--appointment-black-48x48Icon--back-left-black-48x48Icon--calendar-black-48x48Icon--Checkbox-checkIcon--clock-black-48x48Icon--close-black-48x48Icon--compare-black-48x48Icon--confirmation-black-48x48Icon--dealer-details-black-48x48Icon--delete-black-48x48Icon--delivery-black-48x48Icon--down-black-48x48Icon--download-black-48x48Ic-OverlayAlertIcon--externallink-black-48x48Icon-Filledforward-right_adjustedIcon--grid-view-black-48x48IC-logoutIC-upIcon--info-i-black-48x48Icon--Less-minimize-black-48x48Icon-FilledIcon--List-Check-blackIcon--List-Cross-blackIcon--list-view-mobile-black-48x48Icon--list-view-black-48x48Icon--More-Maximize-black-48x48Icon--my-product-black-48x48Icon--newsletter-black-48x48Icon--payment-black-48x48Icon--print-black-48x48Icon--promotion-black-48x48Icon--registration-black-48x48Icon--Reset-black-48x48share-circle1Icon--share-black-48x48Icon--shopping-cart-black-48x48Icon--start-play-black-48x48Ic-OverlayAlertIcon--summary-black-48x48tumblrIcon-FilledvineIc-OverlayAlertwhishlist
Bosch Automotive Aftermarket in Italia
Strumenti di diagnosi

30 anni di tester di diagnosi Bosch KTS

Tempo di lettura: 5 minuti

06/03/2018

Nel 1988, il mitico "Martello Bosch” porta la diagnosi delle centraline elettroniche nella quotidianità delle officine.

Nel 1988 con il Bosch KTS 300, il primo tester per diagnostica, le officine indipendenti possono iniziare a eseguire la diagnosi dei sistemi elettronici dei veicoli. Bosch chiama questa attrezzatura KTS, acronimo del tedesco "Klein-Tester-Serie" che significa letteralmente "serie di tester di piccole dimensioni” e il nome è rimasto ancora oggi.

“Sin dal momento della fondazione dell'azienda, il nome Bosch è sinonimo di competenza nello sviluppo, qualità tecnica e affidabilità. Bosch è stata tra le prime aziende ad iniziare a soddisfare questi requisiti nel campo della diagnostica delle centraline elettroniche," spiega Oliver Frei, Presidente Europa di Bosch Automotive Service Solutions, descrivendo la motivazione che è alla base del costante sviluppo dei tester diagnostici KTS.

“Abbiamo sempre puntato ad aumentare l'efficienza e l'efficacia delle attività quotidiane delle officine tramite i nostri tester diagnostici e software d'avanguardia. Creare soluzioni per la diagnostica adatte al futuro delle officine: è questo che ci motiva," continua Frei.

Il successo trentennale dei tester diagnostici di Bosch proseguirà grazie alla diagnosi ottimizzata delle centraline e alle nuove generazioni di tester KTS, che forniscono soluzioni hardware proiettate verso il futuro.

Tutto inizia con il "Martello Bosch"

Quando fu lanciato, il primo KTS era in grado di analizzare i dati di gestione del motore di automobili di tre marche diverse, ma questo numero crebbe rapidamente e,

già nel 1999, era possibile la diagnosi su 120 sistemi di 25 diverse case costruttrici. Nel settore Automotive ben presto il KTS 300, noto come "Martello Bosch", per la sua forma particolare, divenne sinonimo di tester per motori.

Il 1999 fu l'anno del lancio del software per officine Bosch ESI[tronic], un'altra tappa fondamentale della diagnostica delle centraline elettroniche e per l'ulteriore sviluppo della serie KTS.

Gli aggiornamenti trimestrali, inizialmente su CD, poi su DVD, oggi sono principalmente online e assicurano che le officine abbiano sempre dati diagnostici aggiornati e idonei anche per i veicoli e le centraline di ultimo modello.

Oggi i tester diagnostici KTS ed ESI[tronic] 2.0 consentono alle officine di eseguire la diagnosi delle centraline su più di 90.000 modelli di veicolo di oltre 150 case produttrici diverse.

Oliver Frei

Oliver Frei, Presidente Europa di Bosch Automotive Service Solutions

30 anni di esperienza e competenza nella diagnosi delle centraline elettroniche

Numerosi sistemi elettronici dei veicoli utilizzati come dotazione originale dalle case costruttrici di tutto il mondo sono stati sviluppati dagli ingegneri Bosch.

Da 30 anni Bosch è leader nella diagnosi delle centraline. Di pari passo con il crescere delle esigenze di diagnosi tecnicamente qualificate ed efficienti nelle autofficine, Bosch ha continuato a migliorare i suoi KTS e il suo software per officina ESI[tronic].

Oggi i moduli KTS completano le attrezzature per l'analisi delle emissioni e i tester dei sistemi del veicolo. Sono integrati in una stazione su ruote che ospita un PC, un monitor e una stampante oppure fanno parte di pratiche unità tablet portatili che consentono la mobilità in officina. Grazie a Bluetooth, Wi-Fi o LAN, possono essere collegati ad altri tester, alla rete dell'officina o anche a Internet.

Supportano inoltre anche tutti i più comuni protocolli di comunicazione utilizzati dai sistemi elettronici dei veicoli.

Abbiamo sempre puntato ad aumentare l'efficienza e l'efficacia delle attività quotidiane delle officine tramite i nostri tester diagnostici e software d'avanguardia. Creare soluzioni per la diagnostica adatte al futuro delle officine: è questo che ci motiva.

Oliver Frei, Regional President Europe di Bosch Automotive Service Solutions

Hardware a prova di futuro con interfacce PassThru ed Ethernet

Con l’ultima generazione di tester per la diagnostica, i KTS 560/590, Bosch supporta ancora una volta le officine indipendenti multimarca con attività di assistenza e riparazione dei sistemi dei veicoli moderni.

Con gli standardEuro5/6 le case automobilistiche sono tenute a rendere disponibili alle officine indipendenti le informazioni tecniche per la riparazione tramite i portali online. Per accedere ai portali è necessaria un'interfaccia PassThru. I dispositivi Bosch KTS sono compatibili con PassThru dal 2009 e possono essere ancora utilizzati per accedere ai dati di riparazione, anche se con alcune limitazioni.

Gli attuali tester KTS 560/590 offrono un'interfaccia PassThru migliorata con accesso agevole ai dati di quasi tutti i portali delle case costruttrici.

In questo modo le officine indipendenti possono eseguire la manutenzione dei più nuovi modelli di veicolo e riprogrammare le centraline. Non devono più indirizzare i clienti alle officine autorizzate. Utilizzando i più recenti strumenti di diagnosi, i KTS 350/560/590,le officine sono pronte per il futuro. I dispositivi includono già la nuova interfaccia di diagnostica DoIP (Diagnostics over Internet Protocol) basata su Ethernet, che consente una maggiore velocità di trasferimento dei dati, un fattore particolarmente importante se si tiene conto del volume crescente dei dati richiesti, ad esempio, dai sistemi di assistenza alla guida.

Per questo sempre più case costruttrici utilizzano Ethernet anche per la diagnosi. Le operazioni di diagnostica di base possono sempre essere eseguite tramite l'interfaccia CAN, tuttavia per la diagnosi completa o la programmazione delle centraline sarà necessaria un'interfaccia Ethernet come quella inclusa nell’ultima generazione di KTS .

La generazione verde della diagnostica

Scarica

Brochure tester per diagnostica Bosch

Brochure tester per diagnostica Bosch

Brochure

Prodotti correlati (3)